Giovedi, 23 novembre 2017 - ORE:21:17

Da Padova arrivano le onde radio a fusillo per decongestionare la banda


Smartwatch free

Con il progredire della tecnologia dell’ era del digitale abbiamo a disposizione nella vita di tutti i giorni un’ infinità di mezzi basati sulle onde elettromagnetiche , che ci permettono di vivere una quotidianità più semplice o di svolgere più rapidamente ed in piena comodità una mansione lavorativa.

Tuttavia a chi non è mai capitato di notare quanto , nonostante si sfrutti una rete wireless attraverso uno smartphone per inviare dati dal proprio cellulare, i tempi di arrivo dell’ informazione al destinatario siano spesso molto lunghi?

Questo è dovuto al fatto che moltissime persone stanno sfruttando simultaneamente più dispositivi che si avvalgono dello stesso strumento di trasmissione, le onde radio . Un altro esempio palese è rappresentato dalla congestione delle bande radio intorno alla mezzanotte dell’ ultimo dell’ anno , i cui canali risultano letteralmente invasi da sms di auguri.
La congestione delle bande radio è appunto l’ oggetto di studio di un gruppo di ricercatori italiani e svedesi, provenienti rispettivamente dall’ ateneo di Padova e dall’ Angstrom Laboratory. Il team è riuscito a definire , prima in teoria e poi con test portati a termine con successo sulla laguna di Venezia , un metodo di manipolazione dell’onda radio lungo il proprio asse di propagazione : l’ onda, spiega il portavoce italiano Fabrizio Tamburini, può letteralmente attorcigliarsi intorno al proprio asse un certo numero di volte, e di questi attorcigliamenti ci possiamo avvalere per creare nuovi canali radio sulla stessa banda di frequenza.

Questa rivoluzione nelle trasmissioni radio , resa possibile dalle onde “ a fusillo “ , presenta cospicui risvolti economici : il team di ricerca italo – svedese si è dunque adoperato per identificare un certo numero di momenti angolari intorno all’ asse dell’ onda, in modo tale che la loro creazione sia economicamente vantaggiosa per future applicazioni nel campo della trasmissione.

Sono emersi sperimentalmente dieci momenti angolari , di cui cinque in senso orario ed altrettanti in senso antiorario, ai quali si aggiunge anche l’ onda non ruotata. Undici potenziali canali di trasmissione su una sola onda sono sorprendenti, ma, assicura Tamburini, futuri sviluppi consentiranno di ospitare addirittura 55 canali della TV digitale sulla stessa banda di frequenza.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 24 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.